Home

Le donne, i diversi, gli umili sono stati relegati nelle ombre di una cosiddetta “storia alta” che si è sempre occupata di studiare le vite e le opere di uomini straordinari, di regnanti sagaci e delle loro dinastie, di guerre e capitani d’arme, di battaglie navali e conquiste.

Come bene ha però insegnato Georges Duby, la storia è fatta non solo di eventi eccellenti, ma anche di quotidianità, di gesti che si perdono nelle pieghe dello scorrere del tempo. è l’umanità tutta che si nasconde in queste pieghe, ed il nostro obiettivo è di ritrovare quei gesti e quelle storie che nella loro piccola grandezza hanno ancora qualcosa da insegnare.

Non siamo spinti da femminismo, né dal bisogno di cercare di dare valore a cose marginali e nemmeno dal piacere antiquario dei dettagli. Siamo spinti invece dal desiderio di dare voce a quei tanti protagonisti dimenticati o trascurati, di far vivere e rivivere ciò che rende l’essere umano davvero uguale, senza distinzione di razza, sesso o religione: cioè quei sentimenti universali che sono l’amore ed il dolore.

La musica è il cuore pulsante di queste storie, il filo su cui corrono i sentimenti da noi esplorati e il mezzo attraverso il quale poter parlare di ciò che ci tocca nel profondo.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...